Praline mandorlate
Data Domenica 30 Giugno 2013 • Categoria Dessert

La cosa importante è scegliere il cioccolato che deve essere di buona qualità.Il cioccolato come tutte le materie che si usano in pasticceria,pregiudicano,se di scarsa qualità,il risultato finale.

Spesso si sente parlare del cioccolato come antidepressivo, una capacità che certamente possiede. Il cioccolato agisce da catalizzatore facilitando la produzione di endorfine. Le endorfine sono sostanze peptidiche prodotte dall`ipofisi e che,fra le altre cose,diminuiscono la sensibilità al dolore e stimolano le sensazioni di euforia.

Cioccolato mon amour!Quando lo mangiamo stiamo meglio!

Leggi tutto
 
Totani ripieni al forno
Data Giovedi 27 Giugno 2013 • Categoria Secondi

La ricetta seguente è per quattro persone.

La caratteristica più importante di questa ricetta consiste nel fatto che il ripieno non si amalgama con l`uovo.

Il composto è praticamente morbido e non necessita dell`uovo:il risultato è delicato e più leggero.Se ci dovesse essere di bisogno usare un po` d`acqua.

Leggi tutto
 
Maltagliati d`gren iars al pesce azzurro ai sapori mediterranei su crema di cicerchie
Data Martedi 25 Giugno 2013 • Categoria Primi piatti

La cicerchia è un legume ormai dimenticato, coltivato solamente in alcune zone dell`Italia centrale e meridionale, soprattutto in Puglia in quantità ridotta. È una pianta annuale, Lathyrus sativus, che assomiglia alla veccia e contiene nei suoi bacelli dei semi poco più grandi dei piselli ma più schiacciati.

Le cicerchie si trovano solo secche, e vanno sottoposte a un lungo ammollo prima di cuocerle.

La farina di grano arso è

una farina (non so se chiamarla semola o sfarinato) di grano duro, la cui spiga viene raccolta dopo l`incendio delle stoppie di fine coltivazione.Nei tempi passati i contadini la raccoglievano perché poveri e dunque non si poteva buttare nulla.

Si tratta, quindi, di una farina pochissimo usata, oramai, propria di altri e più miseri tempi, quasi introvabile.

Al classico gusto di semola unisce anche un sentore molto spiccato di affumicatura e tostatura, che dalle mie parti è molto apprezzato da alcuni "intenditori".

La si usa come una semola, ma in dosi ridotte, per via del sapore intenso.

Con questa ricetta ho partecipato al "Premio Marietta",il prestigioso premio nella città di Pellegrino Artusi,Forlimpopoli, arrivando in finale con altri quattro concorrenti.

Non ho vinto il primo premio,ma la mia gioia è stata immensa perchè ho cucinato,gareggiando di fronte ad una giuria "di qualità".

La dose è per cinque persone.

Leggi tutto
 
Pane casereccio con pasta madre
Data Martedi 18 Giugno 2013 • Categoria Impasti base

Il pane fatto in casa è una grande soddisfazione:io direi la più grande!Quando la pasta madre è una tua creazione il successo è davvero senza eguali.

Io non ho molta pazienza nel rinfrescare il "bambino",cosi lo chiamo,però questo panetto è stato fatto con una pasta madre "matura"di ben due anni.

Io ho creato questa pasta madre e poi l`ho distribuita.La mia è "morta"però la mia mamma con immensa pazienza l`ha rinfrescata ed usata facendola sopravvivere.

Questo è il risultato ed il profumo di questo pane non ha eguali.

Leggi tutto
 
Tembane `o furne (Timballo al forno)
Data Martedi 11 Giugno 2013 • Categoria Primi piatti

Il giorno della festa a casa mia o,dopo il matrimonio,a casa di mia suocera era scandito dalla preparazione del"Timballo".Può sembrare un piatto semplice ma aveva bisogno di alcune accortezze particolari:un bel ragù,le polpettine,che andavano cotte nel ragù e preparate almeno un giorno prima e la pasta che andava spezzettata a mano(gli ziti) perchè "più saporita".

Per le polpettine si prendeva,infatti, la carne macinata(metà vitellone e metà di maiale),si impastava con uova sbattute,mollica di pane di Altamura,formaggio pecorino,pepe,sale,aglio e prezzemolo tagliuzzati finemente.Con questo impasto si procedeva al meticoloso lavoro di fare le polpettine,tutte piccoline e uguali,che venivano poi rigorosamente fritte.

Mia madre,ma anche mia suocera dicevano che cosi preparate davano un altro sapore al sugo:la parola "dieta"ancora non la conoscevano.

Leggi tutto